LA STORIA DEL PARCO NAZIONALE D'ABRUZZO

Le più remote origini del Parco Nazionale d’Abruzzo risalgono ad una riserva reale di caccia, sorta nel 1872 in una zona ricca di specie animali rare e pregiate. Soppressa nel 1877, fu ricostituita dal 1900 al 1912, contribuendo in modo determinante a proteggere valori naturalistici di eccezionale importanza, tra cui l’orso bruno marsicano. Il territorio non era del tutto integro, ma modellato da millenni di civiltà pastorale: le prime prove della presenza umana risalgono a 40 000 anni or sono e culminano nell’epoca preromana, con marsi, sanniti e peligni; la storia del Parco è dunque dominata dalla pastorizia transumante, che dopo aver eroso spazio alla foresta aveva influenzato la vita e le tradizioni locali. Nonostante queste massicce colonizzazioni, al principio del secolo il territorio si presentava, soprattutto per l’impervia natura dei luoghi e la mancanza di vie di comunicazione, con zone forestali quasi vergini e presenze zoologiche molto importanti. La prima idea di creare un Parco Nazionale in Abruzzo si delineò all’inizio del secolo e nel 1917 due naturalisti, lo zoologo Alessandro Ghigi e il botanico Romualdo Pirotta,si facevano promotori di una proposta interessante ben 173 000 ettari, che sin dall’inizio apparve troppo ampia e difficile da realizzare. La guerra sopravvenuta impedì di concretizzare l’idea: e nel frattempo la fauna, decimata dal bracconaggio, andava impoverendosi paurosamente. Nel 1921 ripresero gli sforzi in favore del Parco, che sorse in embrione con l’affitto della Costa Camosciara, nella Val Fondillo di Opi, per complessivi 500 ettari circa, da parte della Federazione Pro Montibus. Dopo la costituzione di un Ente privato il Parco fu inaugurato nel 1922 su 12 000 ettari circa e riconosciuto con la legge del 1923 la quale, oltre a sancire il carattere pubblico dell’iniziativa, portò la superficie a 18 000 ettari. In seguito ulteriori provvedimenti estesero il Parco a 28 000 ettari nel 1925 e a 30 000 nel 1926, mentre l’Ente preposto alla gestione andava faticosamente organizzandosi, tra mille difficoltà e contrasti. A seguito di tali vicende l’Ente venne soppresso nel 1933, e il Parco passò sotto il controllo della Milizia Forestale attraversando il periodo più triste della propria esistenza, finchè nel 1950 non venne ricostituito e si entrò in una nuova fase di sviluppo.

Oggi, dopo successive integrazioni, comprende, in un territorio di 44 000 ettari, ai quali vanno aggiunti altri 60 000 ettari di area di protezione esterna. In tutto, quindi, circa 104 000 ettari. I comuni interessati sono 22, compresi in quattro aree geografiche appartenenti a tre regioni (Abruzzo, Molise, Lazio) e altrettante province: l’abruzzese L’Aquila, la molisana Isernia, la laziale Frosinone. Conformato da innumerevoli valli e da tre massicci montuosi la cui altitudine supera i 2.000 metri di quota (Monte Petroso 2.249 m, Monte Morsicano 2.245 m, Monte Greco 2.285 m e Monte Meta 2.242 m), il territorio del Parco è fortemente caratterizzato dai passati fenomeni del glacialismo e del carsismo. L’intera area protetta è attraversata dall’alto corso del fiume Sangro che proprio qui ha le sue sorgenti; altri fiumi all’interno dell’area sono il Melfa, il Giovenco e il Volturno. All’interno del Parco o nelle adiacenze troviamo alcuni interessanti laghi naturali come il lago Vivo, il lago Pantaniello e il lago di Scanno, nonché i bacini artificiali di Barrea e della Montagna Spaccata. La gestione è affidata all’Ente Autonomo Parco Nazionale d’Abruzzo che nel 1980 ha avviato il progetto di “zonazione”, cioè la ripartizione in zone dell’intero territorio, stabilendo dei vincoli rigidi nelle aree di maggiore pregio naturalistico e più elastici nelle altre per l’uso turistico del territorio.

 

 

 


Contatori visite gratuiti

© Copyright 2015  -  tutti i diritti riservati  - info@parconazionaledabruzzo.net -